OkNotizie
Segnalo
Technorati
Delicious

I farmaci

ANESTETICI LOCALI:

  • BUPIVACAINA (MARCAINA)
  • LEVOBUVICAINA (CHIROCAINA)
  • ROBIVACAINA (NAROPINA)

OPPIODI:

  • FENTANIL.

I farmaci sono indispensabili per la perfetta riuscita di una analgesia del travaglio essi infatti devono bloccare le fibre nervose che trasportano al cervello le sensazioni algiche, non devono bloccare quelle che regolano la funzione dei muscoli, mantenendo la capacità di muoversi: quindi non interferire con la naturale dinamica della nascita, non attraversare la membrana placentare e quindi non deprimere il neonato.

I medicamenti attualmente utilizzati riescono con dosi e concentrazioni adeguati a raggiungere lo scopo .
Gli anestetici locali attualmente utilizzati nel nostro centro sono:

  • BUPIVACAINA (Marcaina) è un anestetico di tipo amidico, molto potente solubile nei lipidi e con una forte capacità di legarsi alle proteine sieriche, viene trasformato al 50% dal fegato in un metabolita meno attivo che viene successivamente escreto a livello renale, insieme al restante 50%: in circa 8 ore la metà del farmaco viene eliminato. Per l’analgesia delle partorienti viene utilizzata alle concentrazioni di 0,125 –0,25 con questi valori solo piccole quantità attraversano la placenta e raggiungono il feto e le concentrazioni dosabili non superano i 40-60 nanogrammi per cc di plasma, vengono eliminate poche ore dopo il parto e non provocano alterazioni dello stato di salute del bambino.
  • LEVOBUPIVACAINA (Chirocaina) è un anestetico di più recente introduzione sempre di tipo amidico e con precisione è l’enantiomero levogiro della bupivacaina: nella pratica analgesica dà buoni risultati ottenendo un blocco sensitivo di maggior durata e minor blocco motorio a pari dosaggi: non interferisce alle dosi terapeutiche con la vitalità del neonato. Viene utilizzata da noi alle concentrazioni dell’1- 1,5%.
  • ROBIVACAINA (Naropina) è un’ altro anestetico locale di recente introduzione che risponde in maniera ottimale alle necessità della analgesia ostetrica in quanto dà, a dosi adeguate, blocchi sensitivi abbastanza prolungati, blocchi motori meno intensi e scarsi effetti clinici sul feto, anche se , comunque attraversa la membrana placentare.
  • OPPIODI FENTANIL (Fentanest) è una morfina sintetica estremamente potente, viene utilizzata nell’analgesia del parto associata agli anestetici locali a bassissime dosi (0,05 mg.) per potenziare l’effetto antalgico sfruttando la sua azione sulle fibre nervose che regolano la trasmissione degli stimoli dannosi verso il cervello.